Questi nuovi film stanno portando un morso strano al genere thriller

Il nuovo thriller del regista francese Yann Gonzalez Coltello+cuore si apre con un omicidio. Una giovane pornostar di nome Jean Marie, snella e con gli occhi da cerbiatta, invita uno sconosciuto nella sua scarsa camera da letto dopo una serata trascorsa a ballare. Vuole essere preso; l'ospite, vestito di pelle dalla testa ai piedi, è desideroso di accontentare. La tensione e la colonna sonora di questo titolo a Cannes aumentano quando lo sconosciuto, il suo viso nascosto sotto una maschera da sfigato, lega Jean Marie alla struttura del letto, a pancia in giù.



Nel gioco sadomaso, l'eccitazione e la paura si corteggiano a vicenda. Il dolore (o la minaccia di esso) aumenta l'adrenalina, aumentando quello che altrimenti sarebbe solo un altro collegamento. Inevitabilmente, il parigino Mr. Leather 1979 imbavaglia il suo nuovo amico e tira fuori un dildo nero dai suoi pantaloni. Alzando il gallo sopra la sua testa come un'arma, il giocattolo si trasforma in un coltello a serramanico, dalla cui punta spunta un pugnale. Il sangue si riversa sulle lenzuola mentre Jean Marie muore. È il primo di una serie di omicidi di pornostar che mandano onde d'urto attraverso una compagnia porno queer, gestita da Anne (Vanessa Paradis), che lavora per radunare le truppe mentre soffre per la propria rottura con una donna che sembra essere la coorte montatrice, Loïs (Kate Moran).

'Coltello + Cuore'Yann González



Sesso e spargimento di sangue a parte, ciò che mi eccita di questa particolare sequenza sono le sue radici in un film molto precedente: il famigerato thriller pre-AIDS di William Friedkin, Crociera (1980). Nello slasher di sodomiti, Al Pacino interpreta un ufficiale della polizia di New York incaricato di scoprire chi continua ad uccidere gay nei club di pelletteria clandestini della città. Inizialmente, l'incarico è alla pari con il lavoro d'ufficio, ma l'agente Burns sviluppa presto un'affinità per andare sotto copertura che suggerisce che anche lui potrebbe avere una predisposizione per gli uomini e/o l'omicidio. Data la sua rappresentazione degli uomini gay sia come vittime che come autori di omicidi, Crociera era protestato da attivisti queer durante le riprese e rimane, per la maggior parte, una macchia problematica nella storia del cinema LGBTQ+ che, con il tempo, ha occasionalmente goduto dello status di cult.



Questo dilemma colpisce una serie di thriller classici con personaggi queer, incluso il neo-noir poliziotto sporco di Paul Verhoeven Istinto primitivo (1992). La leggendaria Catherine di Sharon Stone è solo la punta dell'iceberg: in questo titolo compare un totale di quattro assassini saffici. Al momento della sua uscita, uno sfacciato studioso di cinema di nome B. Ruby Rich ha alimentato queste fiamme, osservandolo Istinto primitivo è stato picchettato dall'ala ipocrita della comunità queer (fino a quando le dighe non hanno iniziato a scoprire quanto fosse divertente). Quasi 30 anni dopo, cinefili queer sembrano aver raggiunto un consenso con Ricco.

Dettaglio per dettaglio, Coltello + Cuori aprendo gli specchi del delitto di crociera : Un uomo gay invita uno sconosciuto in pelle in una stanza, dove viene poi legato, imbavagliato e pugnalato al sedere (anche se non con un sex toy rotto). Quando questo film artistico rende omaggio sfacciato a Crociera , non si sta scusando per questo, né si sta impegnando in un dibattito esausto ma nobile su ciò che costituisce la rappresentazione dei media 'buona' e 'cattiva'. Coltello+cuore sta facendo qualcosa di molto più costruttivo: consuma Crociera e sputa un riff irriverente, segnato da M83, sui thriller a cui gli spettatori omosessuali si affollano per amore del genere. C'è suspense. C'è il sesso. Ci sono omicidi. Eppure spesso ci viene chiesto di avvicinarci con cautela, poiché spesso siamo le loro vittime. Questa differenza in Coltello+cuore è che ai personaggi queer sono concessi ruoli di primo piano nella loro stessa storia. L'ambiguità morale e la sfortuna sono ancora abbondanti.

Coltello+cuore fa parte di un trio di thriller appena usciti guidati da persone queer che include il film di Matthew Wollin La pelle dei denti (USA) e di Lara Jean Gallagher Clementina (STATI UNITI D'AMERICA). Ogni film - beatamente imperfetto, idee fresche che superano le cifre del suo budget, con questioni in sospeso degne di un'amnistia - scava i denti in ansie specifiche che circondano il sesso e il desiderio omosessuali, dalla tensione intrinseca della crociera interrazziale all'angoscia schiumosa della rottura lesbica -UPS. Insieme, il loro morso si rompe così bene come rompe la carne.



'La pelle dei denti'Stiamo commuovendo storie

La pelle dei denti è un'altra storia di un collegamento andato storto. Con un aspetto più modesto, non è un serial killer a incutere paura nei nostri cuori, ma lo spettro del privilegio bianco e della polizia. Quando il ventenne Josef (Pascal Arquimedes) visita l'appartamento da scapolo di un uomo più anziano (Donal Brophy) a New York City per un secondo appuntamento, non siamo a conoscenza di molti dettagli su chi siano o su come si siano incontrati per la prima volta. Josef non riesce nemmeno a ricordare davvero il loro primo incontro. Siamo costretti a valutare la situazione alla lettera: Josef è nero e John è bianco, con un'affinità per la cucina gourmet e Banksy. Dal punto di vista socioeconomico, sembra superare il suo ospite.

Pelle è stato considerato il figlio d'amore di Grindr e Uscire nelle note di programmazione del NewFest LGBTQ Film Festival, ma le sue sottili tensioni razziali assomigliano più da vicino a quelle dell'ultimo successo di Jordan Peele, Noi . Quando la famiglia Wilson entra nella lussuosa casa sul lago di Tyler e inizia a uccidere i dopplegänger della famiglia bianca, lo spettatore - evocando la realtà dell'essere nero in America - teme che i Wilson possano essere danneggiati, non dai Tethered, ma dalle autorità che arrivano sulla scena di quella che percepiscono come una brutale invasione domestica. È certo che non gli sarebbe concesso il tempo di spiegare che le cose non sono come sembrano. La supremazia bianca non ammette sfumature o giusto processo.

Josef è similmente vulnerabile; è responsabile di eventuali disgrazie che si verificano nell'appartamento di John, pur essendo alla mercé dei capricci erotici dell'uomo più anziano. Nel frattempo, la nostra sfiducia nei confronti di John cresce. Potrebbe facilmente essere un altro Ed Buck, un personaggio pubblico venerato che è un mostro in privato. Stressato dal suo rapporto con John, Josef si fa strada in una scorta di bomboniere psicotrope nella camera da letto del suo ospite. Quando John subisce una ferita mortale, la vita di Josef diventa un incubo ad occhi aperti segnato da allucinazioni surreali e poliziotti scettici che danno spettacolo allo stile di vita del loro sospettato. Il primo lungometraggio di Matthew Wollin potrebbe essere un indie da pochi soldi con solo due ambientazioni - un appartamento da scapolo e una stanza degli interrogatori della stazione di polizia - e un'unica telecamera impostata, ma ci tiene rapiti fino alla fine. Vogliamo disperatamente che la giustizia prevalga. E lo fa, ma in modo agrodolce succede spesso nella vita reale.

In anteprima mondiale a Tribeca il mese scorso, Clementina è un'ustione psicologica più lenta di Coltello+cuore e La pelle dei denti . È più umore che movimento, una rapsodia che trasmette il modo in cui l'età influisce sul crepacuore. Nel Pacifico nord-occidentale, una giovane lesbica di nome Karen (Otmara Marrero), in lutto per la rottura con la sua ex D. (Sonya Walger), molto più anziana, si accovaccia nella casa sul lago non occupata della donna anziana. Incautamente, cade presto sotto l'incantesimo di un'enigmatica adolescente (Sydney Sweeney) di nome Lana che scopre in agguato nei boschi circostanti. Con Karen al centro, Clementina Le tensioni centrali di 's vanno in due direzioni: non avendola mai vista (anche se dopo aver sentito la sua voce durante teneri filmati e telefonate concise), aspettiamo che appaia l'avvizzita D. e la sfratti dalla cabina. Allo stesso tempo, Lana, allo stesso tempo ingenua e ingannevole, una sorta di Lolita queer simile al personaggio di Emily Blunt in La mia estate d'amore (2004) — è fonte di ansia. Mentre Karen piange e si risente della stabilità che è arrivata con D., assapora la giovinezza della sua conoscente più giovane. Sei vecchio solo quando sai cosa vuoi e che non lo otterrai mai, dice a Lana. È possibile che sia la prima volta che gode di un tale vantaggio in una relazione. Questa non è una storia di riconquistare un amante o di dimenticare un amante con un altro. È una languida storia di imparare a sedersi con disagio, elegantemente camuffata da pezzo di genere.



Il genere thriller è stato spesso caratterizzato dall'inclusione spensierata di personaggi queer secondari. Come con Crociera , sono stati gli altri tanto citati. Nel dramma degli ostaggi di Neil Jordan Il gioco del pianto (1992) e il mistero farmacologico di Steven Soderbergh Effetti collaterali (2013), la femminilità trans e lesbica non è abbastanza accattivante da garantire personaggi ben sviluppati; quelle convinzioni sono ridotte a colpi di scena. La loro presentazione mira a scioccare lo spettatore il cui cervello, nel 2019, è ancora predefinito alla cultura cishet. Più duratura, c'è la femme fatale: la sirena cinematografica che seduce in modo intricato un protagonista facendolo schiantare con la sua nave su rocce aguzze. Una delle preferite è Lauren Bacall Giovane con un corno (dir. Michael Curtiz, 1950), intrappolando un sano trombettista in un matrimonio insoddisfacente mentre conduce una relazione con una pittrice. I personaggi dei thriller queer, non importa quanto sfortunati o nominali, hanno un talento per contrastare la norma e per sconvolgere idee su ciò che uomini e donne Dovrebbe essere, se non altro per poche scene. Che tu detesti questi classici o li ami per quello che sono, i registi LGBTQ+ sono desiderosi di apportare alcune aggiunte molto gradite al canone.