Questo programma offre 5.000 test HIV a domicilio a persone di colore e latinoamericane

Un nuovo programma nazionale di test HIV in casa mira a portare risorse gratuite alle popolazioni LGBTQ+ colpite in modo sproporzionato dall'epidemia globale in corso.



Giovedì, la Campagna per i diritti umani (HRC) ha annunciato il lancio di una nuova iniziativa destinato ad aiutare i membri della comunità LGBTQ+ più vulnerabili all'HIV/AIDS: persone di colore e latinoamericane, in particolare donne transgender. Il progetto, attualmente in fase pilota, distribuirà 5.000 kit nel corso di un anno, ognuno dei quali includerà un tampone orale OraQuick, preservativi, lubrificante e una scheda informativa del test.

Oltre a ricevere i kit, i candidati saranno anche collegati alle risorse sanitarie locali e abbinati a un navigatore paziente dell'organizzazione partner Noi ci aiutiamo , che seguirà il richiedente dopo aver richiesto il kit. Le persone che già convivono con l'HIV possono anche richiedere il rinvio agli operatori sanitari locali.



J. Maurice McCants-Pearsall, direttore di HIV and Health Equity di HRC, afferma che l'iniziativa unica nel suo genere è un passo significativo per porre fine all'epidemia e soddisfare i bisogni delle comunità che sono colpite in modo sproporzionato dall'HIV.



Molte comunità emarginate devono affrontare sfide nella prevenzione, nel trattamento e nell'assistenza, in particolare la paura dello stigma e della discriminazione dell'HIV, dice McCants-Pearsall loro. in una e-mail. Ciò offre l'opportunità alle persone di assumere il controllo della propria salute e conoscere il proprio stato in un ambiente conveniente e privato.

Sebbene gli Stati Uniti abbiano compiuto progressi significativi verso la fine dell'epidemia di HIV, tali guadagni devono ancora essere pienamente percepiti da tutte le persone LGBTQ+. La metà di tutti i neri queer, uomini cisgender e un quarto degli uomini latini verrà diagnosticato con l'HIV nel corso della loro vita, secondo una ricerca del Centri per il controllo delle malattie (CENTRO PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELLE MALATTIE). I dati sono più scarsi per le donne trans, ma sono recenti Indagine CDC di sette città degli Stati Uniti ha scoperto che il 62% delle donne trans nere e il 35% delle donne trans latine vivono attualmente con l'HIV.

Ecco perché i sostenitori affermano che fornire risorse facili da usare e accessibili come i test di tampone orali a domicilio è fondamentale per le popolazioni che altrimenti potrebbero non avere accesso alle cure. UN Prova CDC dal 2019 ha scoperto che i tassi di test dell'HIV sono aumentati tra gli uomini omosessuali quando hanno ricevuto kit di autotest tramite posta diretta.



I test sono facili da usare e danno risultati in soli 20 minuti. Gli utenti passano il tampone lungo le gengive superiore e inferiore, quindi lo inseriscono in una provetta con una sezione a C e a T, secondo Ora veloce sito Web di , Una riga nella sezione C indica che il test sta funzionando. Se compare solo la linea C, il test è negativo e se compare una linea nella sezione T, il test è positivo.

Sebbene questa tecnologia sia entusiasmante, la pandemia di COVID-19 ha dimostrato che i test accessibili sono solo un pezzo della complessa torta che sta ponendo fine a una crisi di salute pubblica. DeMarc Hickson, il direttore esecutivo di Us Helping Us, afferma che è importante che le campagne di prevenzione dell'HIV prendano di mira aree come il sud-est degli Stati Uniti, che secondo lui ha una lunga storia di oppressione, supremazia bianca e stigma dell'HIV.

Tori Cooper Incontra Tori Cooper, la prima donna trans nera a cui è stato affidato il consiglio del presidente sull'HIV La ricerca mostra che le donne trans nere sono altamente vulnerabili all'HIV. Tori Cooper pensa che sia ora di parlarne. Visualizza storia

[Noi] immaginiamo un mondo libero dallo stigma e in cui il test dell'HIV fa parte dell'assistenza sanitaria di routine, afferma in un comunicato stampa.

La campagna si concentrerà sull'espansione delle risorse in aree come New Orleans, Miami e Greenville, Mississippi, ma lavorerà anche per elevare le organizzazioni basate sulla comunità guidate dalle minoranze che possono raggiungere meglio i membri della popolazione locale. Sebbene questi programmi rappresentino un passo avanti cruciale, McCants-Pearsall afferma che anche la vera equità dell'HIV deve essere avanzata sistematicamente.

Uno dei modi in cui possiamo affrontare queste barriere è aumentare i finanziamenti e gli investimenti nelle infrastrutture sanitarie pubbliche, afferma. Ciò creerebbe maggiori opportunità per affrontare ed eliminare le barriere, come la mancanza di accesso all'assistenza sanitaria, all'alloggio e ai fattori socioeconomici, che aumentano lo stigma e la discriminazione che la comunità LGBTQ+ deve affrontare.



Puoi richiedere un kit qui e scopri di più sulle risorse per l'HIV nella tua zona qui .