Questa donna trans ha vinto una grande vittoria contro Masterpiece Cakeshop dopo che gli è stato negato il servizio

Quando Jack Phillips è andato alla Corte Suprema dopo aver rifiutato di preparare una torta per il matrimonio di una coppia dello stesso sesso, Autumn Scardina dice di essere entrata in empatia con lui.



Scardina è un avvocato di 42 anni che esercita la professione legale in Colorado – la casa della panetteria di Phillips, Masterpiece Cakeshop – ma è anche una devota cristiana. Phillips ha affermato che i suoi diritti del Primo Emendamento gli impedivano di fare una torta che approvava una cerimonia che violava le sue convinzioni religiose sul matrimonio. Il giorno dopo che SCOTUS si è pronunciato per un pelo a suo favore nel giugno 2018, lui detto al Oggi mostrare che un matrimonio è un evento intrinsecamente religioso e la torta è sicuramente un messaggio specifico.

Come compagna di fede, Scardina dice di aver potuto apprezzare le sfumature della posizione di Phillips. Ricordo che disse più volte: ‘Si tratta di un evento religioso singolare. Questo non ha a che fare con gli individui', dice loro . per telefono. Non ero d'accordo con la sua posizione definitiva, ma una parte di me ha capito quanto deve essere difficile... vedere il mondo cambiare su di lui. Volevo credergli.



Scardina ha chiamato Masterpiece Cakeshop nel giugno 2017 sperando che la sua buona fede sarebbe stata convalidata, ma le cose sono andate male molto rapidamente. Aveva un compleanno alle porte e ha deciso di ordinare una torta rosa e blu per onorare il significato aggiunto della data per lei: il 6 luglio è anche l'anniversario di quando si è dichiarata una donna transgender. Dopo aver specificato in dettaglio l'entità dell'ordine e aver confermato con un rappresentante che la panetteria potrebbe evaderlo entro quel lasso di tempo, afferma di aver spiegato a un rappresentante il significato personale dietro il design richiesto.



Non ero d'accordo con la sua posizione definitiva, ma una parte di me ha capito quanto deve essere difficile... vedere il mondo cambiare su di lui. Volevo credergli', dice Scardina.

A quel punto, Scardina dice che la donna che ha preso l'ordine è diventata molto ostile e l'ha immediatamente chiusa. Ha spiegato che Masterpiece non sarebbe in grado di soddisfare la richiesta perché viola le loro convinzioni religiose, come ricorda Scardina. Era in macchina con suo fratello in quel momento e ha messo la chiamata in vivavoce, chiedendo al lavoratore di ripetere ciò che aveva detto in modo che potesse sentire. Scardina dice che la chiamata è stata immediatamente interrotta.

Non sono sicura se abbia riattaccato o cosa sia successo, dice, aggiungendo: Era molto ovvio che non si trattava della torta. Riguardava chi ero come persona e come ciò avrebbe influito sulla loro decisione sul fatto che mi avrebbero servito o meno.



Mercoledì un tribunale di Denver ha emesso una sentenza d'accordo con Scardina. Il giudice A. Bruce Jones del Secondo distretto giudiziario ha respinto l'argomento avanzato da Phillips e dai suoi avvocati secondo cui il rifiuto del servizio a Scardina è costituzionalmente protetto tre anni dopo che lei ha intentato una causa contro di lui. Ha sostenuto che il caso non riguarda il discorso forzato, dicendo invece che si tratta di sostenere le leggi sulla non discriminazione intese a garantire che i membri della nostra società che storicamente sono stati trattati ingiustamente ... non siano più trattati come 'altri'.

Jones ha aggiunto che la politica di Masterpiece di servire Scardina fino a quando non si è accorta di essere una donna transgender è l'equivalente di una regola 'Non chiedere, non dire'. Le persone LGBT avrebbero diritto a un servizio uguale solo nella misura in cui non richiedono beni che riflettano la loro identità di persone LGBT (o almeno non informano i Convenuti di tale riflessione), ha scritto.

Oltre a dichiararsi a favore dell'affermazione di Scardina, Jones ha schiaffeggiato Phillips con una multa di $ 500, l'importo più alto possibile ai sensi del Colorado Anti-Discrimination Act, una legge radicale del 2008 che protegge le persone LGBTQ+ da pregiudizi pregiudizievoli.

Il team legale di Phillips ha già promesso di impugnare la sentenza, annunciando l'intenzione di presentare ricorso in un comunicato stampa di mercoledì. Alliance Defending Freedom (ADF), uno studio legale di destra che ha anche rappresentato Phillips nel suo precedente caso davanti alla Corte Suprema, ha affermato nella sua dichiarazione che Scardina ha chiesto a Jack di creare torte personalizzate per 'testare' Jack e 'correggere gli errori' del suo pensiero.



Queste sono solo persone normali che fanno la loro vita, cercando di fare le cose semplici che la maggior parte di noi dà per scontate. Gli viene detto: 'No, non sei abbastanza bravo. Non lo faremo per te', dice Greisen.

L'attivista ha persino minacciato di citare in giudizio di nuovo Jack se il caso fosse stato archiviato per qualsiasi motivo, ha affermato il consigliere generale dell'ADF Kristen Waggoner. Attivisti radicali e funzionari governativi prendono di mira artisti come Jack perché non promuovono messaggi sul matrimonio e sulla sessualità che violano le loro convinzioni fondamentali.

Il team legale di Scardina ha negato quella caratterizzazione delle motivazioni del loro cliente nel portare avanti la causa. L'avvocato Paula Greisen ha descritto Scardina come una persona molto amorevole, generosa e gentile che non è il quadro che viene dipinto di lei. Greisen era anche l'avvocato principale del processo che rappresentava Charlie Craig e David Mullins, la coppia gay al centro del caso della Corte Suprema del 2018, e afferma che anche loro sono stati falsamente descritti come attivisti pazzi.



Non erano nemmeno attivisti, e nemmeno Autumn, racconta Greisen loro . per telefono. Queste sono solo persone normali che fanno la loro vita, cercando di fare le cose semplici che la maggior parte di noi dà per scontate. Gli viene detto: 'No, non sei abbastanza bravo. Non lo faremo per te.'

Mentre l'ADF si batte per ribaltare la sentenza di mercoledì, il co-difensore di Greisen, John McHugh, ritiene che il caso riguardi in definitiva la preservazione dell'integrità delle leggi sulla non discriminazione. Attualmente, 22 stati hanno statuti completi sui libri che vietano il rifiuto di beni, servizi e risorse alle persone LGBTQ+ in aree come alloggi, assistenza sanitaria e alloggi pubblici. L'anno scorso la Corte Suprema ha deciso che la discriminazione nei confronti delle persone omosessuali e trans sul posto di lavoro è illegale ai sensi della vigente legislazione federale sui diritti civili.

Se i tribunali alla fine si schiereranno con le affermazioni di Phillips secondo cui la sua religione esenta dai codici di non discriminazione LGBTQ + del Colorado, McHugh afferma che quelle leggi non avrebbero effettivamente denti per loro.

Le credenze religiose delle persone sono importanti, dice McHugh loro . È chiaramente un diritto costituzionalmente protetto, ma non li rende, come ha affermato la Corte Suprema circa 30 anni fa, un 'piccolo regno a se stessi', in cui le loro convinzioni religiose prevalgono sulle leggi che tutti accettiamo di rispettare per vivere in questo paese.

Scardina dice di essere soddisfatta dell'esito della decisione di questa settimana, ma ammette di sentirsi in qualche modo in conflitto. Poiché il caso continua a raccogliere maggiore attenzione da parte dei media, afferma che la disinformazione ha continuato a diffondersi. Questa è l'unica intervista che ha rilasciato nei tre anni trascorsi da quando ha archiviato il caso, durante i quali ha ricevuto lettere minacciose ed e-mail di mal genere. Lei era la oggetto di un pezzo di successo di Rush Limbaugh nel 2019 si riferiva a lei come parte della comunità gay politicizzata militante e la sua pagina professionale è stata bombardata da recensioni negative.

Per tutto il tempo, Scardina dice che Phillips sta monetizzando le sue convinzioni. A maggio ha pubblicato un libro di memorie, Il costo della mia fede , e aggiunge che il Sito web Masterpiece Cakeshop vende tazze da caffè, cappelli e magliette. Già... quella pasticceria, recita la sua merce, strizzando l'occhio alla notorietà della panetteria.

Ma Scardina dice che le rappresaglie valgono la pena per la necessità di sostenere i principi al centro della disputa. Non si tratta di torte, dice. Non si tratta di Masterpiece Cakeshop, Mr. Phillips, o delle sue convinzioni religiose. Essendo anch'io cristiano, lo apprezzo per le sue convinzioni e prego per lui. Ma non credo che la legge possa accogliere individui che eludono la legge secolare sulla base del proprio credo religioso interno. Scende nel caos molto, molto rapidamente.