Top 10: Drug Lords

Top 10: Drug Lords Pagina 1 di 3

Questo articolo è sponsorizzato in parte da La notte è nostra (Che cos'è questo?)



Offhand, farmaco I lord rappresentano una top 10 problematica, poiché non esistono dati affidabili sulle loro operazioni, rendendo i loro risultati impossibili da verificare e soggetti a ogni sorta di esagerazione e diceria. Tuttavia, tali leggende e il folclore moderno presentano anche i migliori criteri in base ai quali classificare questi re e regine del mercato nero; quello che segue è un elenco dei primi 10 signori della droga basato su un amalgama della loro influenza, innovazione, notorietà e leggenda.

Numero 10

Autostrada Ricky Ross

Paese di operazione: USI
Clienti: Gli Stati Uniti occidentali
Prodotto: Crack cocaina



Importante distributore di crack negli anni '80, si presume che l'attività di Ross abbia acquistato oltre 400 chili di cocaina a settimana, vendendo fino a 3 milioni di dollari di crack ogni giorno. Di conseguenza, alcuni lo considerano l'unico responsabile dell'epidemia di cocaina crack negli Stati Uniti, un'affermazione categoricamente confutata nel 1999 dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, che ha riconosciuto le dimensioni gigantesche della sua operazione, ma ha respinto qualsiasi idea che Ross - o qualsiasi individuo - potrebbe plausibilmente assumersi tutta la colpa.



Caduta: Nel 1996, Ross è stato incaricato dal suo partner di vendere 100 chili di coca cola a un agente della DEA sotto copertura.

Stato 2008: Ricky Ross è attualmente incarcerato negli Stati Uniti

Numero 9

Paul Lir Alexander, alias Il barone della cocaina

Paese di operazione: Brasile
Clienti: USI
Prodotto: Cocaina



Alcuni primi aspetti della storia di Alexander - vale a dire le sue affermazioni di essere stato addestrato dal Mossad israeliano - sono altamente sospetti. Quello che si sa di lui è che è diventato un importante trafficante di coca cola brasiliano prima che la sua fortuna finisse, ed è diventato anche un informatore della DEA. In qualità di informatore, è stato determinante per abbattere un certo numero di importanti trafficanti o, per dirla in un altro modo, è riuscito a eliminare molti dei suoi concorrenti, poiché Alexander non si è preoccupato di interrompere la propria attività mentre ne denunciava altri.

Caduta: Alexander aveva l'abitudine di fare il doppio gioco, e la DEA non lo apprezzava.

Stato 2008: Alexander è attualmente incarcerato in Brasile.

Numero 8

Santiago Luis Polanco Rodriguez, alias Yayo

Paese di operazione: USI
Clienti: USA, Giamaica e Repubblica Dominicana
Prodotto: Crack cocaina



Rodriguez ha portato il crack alle masse utilizzando un modello di business più tradizionale di quello che si vede tipicamente nel traffico di droga. Le sue tecniche di merchandising intelligenti includevano sconti nel fine settimana, l'uso di biglietti da visita, il riconoscimento del marchio e la distribuzione ai rivenditori in buste glassine (il tipo di francobolli usati dai collezionisti). Nelle parole del sociologo Robert Jackall, bisogna riconoscere il suo genio particolare e peculiare anche se non lo si onora.

Caduta: Rodriguez ha abbandonato una massiccia rete della DEA nel 1987, ma i problemi non legati alla droga nella Repubblica Dominicana gli hanno fatto guadagnare un po 'di prigione.

Stato 2008: Oggi Rodriguez vive generosamente con sua moglie e i suoi figli nella Repubblica Dominicana, al di fuori della portata delle autorità statunitensi.



Numero 7

Felix Mitchell, alias The Cat

Paese di operazione: USI
Clienti: USI
Prodotto: Eroina, crack, cocaina

Mob 69, la massiccia operazione di droga controllata da gang di Mitchell, è stata la prima del suo genere, e lui l'ha controllata in parte con un brillante po 'di pubbliche relazioni: sponsorizzare l'atletica locale e portare i bambini in gite negli zoo e nei parchi di divertimento. Tuttavia, quando fu gettato in prigione, nacque un nuovo tipo di violenza nei centri urbani: quello che era stato un monopolio strettamente controllato sotto Mitchell divenne un campo di battaglia instabile in sua assenza, pieno di drive-by e aumento della violenza tra concorrenti in lizza per il suo attività commerciale.

Caduta: La notorietà di Mitchell lo ha reso un bersaglio per le autorità, guadagnandosi l'ergastolo a Leavenworth.

Stato 2008: Mitchell è stato pugnalato e ucciso a meno di due anni dalla sua condanna. Il suo funerale è stato uno spettacolo: le limousine Rolls Royce hanno seguito una carrozza trainata da cavalli portando la sua bara attraverso le affollate strade di Oakland fiancheggiate da migliaia di persone in lutto.

Altri 10 migliori signori della droga dell'era moderna ...

Pagina successiva