Le persone trans appartengono: una bambina di 10 anni protesta contro i progetti di legge anti-trans a Campidoglio del Texas

Per quasi tutta la sua vita, la figlia di Kimberly Shappley, Kai, ha lottato per il suo diritto di esistere.



Kai ha iniziato la transizione sociale all'età di 4 anni dopo aver a lungo espresso che la sua identità di genere non corrispondeva al sesso che le era stato assegnato alla nascita. In pochi mesi, i repubblicani nella legislatura del Texas spinse allora la nuova legislazione vietare alle persone transgender di utilizzare i bagni pubblici in linea con la loro identità di genere. Questi sforzi alla fine non hanno avuto successo, così come una sfilza di proposte di legge introdotte nel 2017, ma i timori infondati e screditati sulle persone trans che occupavano lo spazio pubblico sono stati sufficienti a far deragliare un'ordinanza sulla non discriminazione LGBTQ+ a Houston lo stesso anno.

Dopo 6 anni trascorsi a parlare e condividere la sua storia, Kai, che ora ha 10 anni, è stata costretta a testimoniare questa settimana davanti alla commissione per gli affari di stato del Senato del Texas per fermare ancora più progetti di legge che cercano di impedirle di essere affermata per la ragazza che è. Il Texas sta prendendo in considerazione sei atti legislativi quest'anno che le impedirebbero di ricevere cure che affermano il genere, e la versione più estrema, il Senate Bill 1646, etichetterebbe trattamenti come i bloccanti della pubertà e la terapia ormonale come abusi sui minori.



Parlando con i legislatori lunedì, Kai ha ammesso che non le piace passare il mio tempo libero chiedendo agli adulti di fare buone scelte.



I legislatori del Texas mi hanno attaccato fin dalla Pre-K, ha detto. Sono in quarta elementare ora.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Sua madre, Kimberly, aggiunge al telefono che la sua famiglia è allo stremo dopo anni in prima linea in questa battaglia. Dopo che sua figlia è uscita, è stata rinnegata dalla stessa madre, con la quale non parla da 5 anni. Non ha più contatti con i suoi fratelli o migliori amici dalla sua vita precedente, quando era una dichiarata repubblicana che gestiva un ministero evangelico. L'amore di sua figlia è valso il sacrificio, dice, ma ora sembra che anche i legislatori del Texas stiano costringendo a rinunciare alla sua casa.



Non abbiamo più niente da dare, dice loro ., prima di spiegare che teme che la testimonianza di sua figlia sia vana. Non siamo andati lì pensando di realizzare qualcosa in Texas. Ci siamo andati perché dobbiamo sentirci come se avessimo fatto tutto il possibile.

Mentre il discorso di Kai ha ricevuto l'attenzione dei media nazionali in pubblicazioni come La collina e Quotidiano Kos , la sua testimonianza è stata anche accompagnata da un piccolo atto di protesta. Mentre si trovava nella rotonda dell'edificio del Campidoglio del Texas, Kai si è unito ad Adri Perez dell'American Civil Liberties Union nell'alzare uno striscione che esprimeva sostegno a tutti i giovani attualmente individuati dalle oltre due dozzine di stati che valutano la legislazione anti-trans in 2021. Le persone trans appartengono, recitava il cartello.

Non abbiamo più niente da dare. Non siamo andati lì pensando di realizzare qualcosa in Texas. Ci siamo andati perché dobbiamo sentirci come se avessimo fatto tutto il possibile', dice la madre di Kai, Kimberly Shappley.

Perez, che funge da stratega politico e di advocacy per l'ACLU del Texas, afferma che il messaggio era personale. Quando hanno iniziato la terapia ormonale sostitutiva (TOS) nel 2014, Perez afferma di non essere riusciti a trovare un endocrinologo entro un raggio di 200 miglia dalla loro casa a El Paso. Finirono per viaggiare fino a New York per ottenere le cure di cui avevano bisogno.

Perez ricorda la realizzazione che non c'erano fornitori di servizi sanitari locali che avrebbero sostenuto la loro transizione come il periodo più basso della loro vita, descrivendo il tributo sulla loro salute mentale come insopportabile.



Questa è la situazione in cui stiamo mettendo i bambini e le famiglie del Texas ora, dice Perez loro . Per me, l'idea di farlo ai bambini è così crudele e non necessaria, specialmente in un momento in cui stiamo vedendo che c'è un maggiore accesso alle cure che è scientificamente supportato, che è basato sull'evidenza e che è l'assistenza salvavita .

L

Kimberly Shappley

Il passaggio di SB 1646, scritto dal senatore statale Charles Perry (R-28th District), sarebbe estremamente dannoso per i giovani trans nello stato del Texas. Secondo un rapporto pubblicato lunedì dal Williams Institute, un think tank pro-LGBTQ+ presso l'Università della California a Los Angeles, 13.800 ragazzi del Texas non sarebbe in grado di accedere alle cure che affermano il loro senso di sé qualora il disegno di legge diventasse legge. In tutto il paese, si stima che 45.000 giovani trans perderebbero l'assistenza sanitaria durante la notte se gli altri 21 stati che considerano i divieti di assistenza medica anti-trans emanassero la loro legislazione.

Ma ciò che rende SB 1646 particolarmente disastroso per gli Shappley è che il suo passaggio potrebbe far perdere la sua custodia alla famiglia di Kai. Qualora i genitori consentano ai propri figli di ricevere cure di affermazione del genere in violazione della legge, esso potrebbe richiedere un'indagine dai servizi di protezione dell'infanzia (CPS) e potenzialmente finiscono con l'allontanamento di Kai dalla sua casa.

Perez afferma che negare il sostegno ai giovani trans e alle loro famiglie è doloroso per i trans texani che hanno costruito le loro vite nello stato, definendo la legislazione un attacco a tutto campo all'esistenza stessa di comunità già vulnerabili.

So di essere molto fortunato ad essere ancora vivo e ad avere accesso a una piattaforma che mi permette di parlare per i diritti dei trans. E sento la responsabilità di usarlo da adulto per parlare contro questi problemi e questi legislatori che stanno attaccando i bambini trans. Non dovrebbero farlo da soli, e di certo non sono soli', dice Perez.

Ci sono famiglie che stanno pensando di trasferirsi, dice Perez. Ci sono medici che praticano che hanno pratiche di affermazione di genere diverse nello stato del Texas, che non sarebbero più in grado di fornire tale assistenza. Questi sono medici che sono specialisti. Questa non è una cura che chiunque fornisce. Se volessero farlo, dovrebbero trasferirsi in un altro stato.

Kimberly, che lavora come infermiera in un centro sanitario LGBTQ+, afferma di aver già iniziato a cercare lavoro in altri stati per assicurarsi che la sua famiglia non venga distrutta dai legislatori del Texas. Si è già trasferita una volta prima, trasferendosi da Pearland, una piccola città conservatrice fuori Houston, ad Austin per assicurarsi che Kai potesse frequentare una scuola con politiche inclusive LGBTQ+. Anche se non vuole sradicare di nuovo la vita di sua figlia, confessa che è difficile rimanere in un posto dove siamo odiati e dove i genitori di bambini trans sono malvagi.

Normalmente, non sono una Nancy negativa, ma il Texas mi ha battuto negli ultimi sei anni, dice, aggiungendo: questa non è più casa.

Kimberly e la sua famiglia hanno in programma di persistere in Texas il più a lungo possibile. Nel frattempo, lei e Perez sperano che lo striscione esposto brevemente al Campidoglio illustri che le persone trans si stanno unendo per mostrare solidarietà tra loro attraverso le generazioni. Sebbene Perez abbia solo 28 anni, dicono che a volte si sentono come un trans anziano, soprattutto perché l'aspettativa di vita per le persone trans è molto bassa.

Ciò è, in parte, dovuto al tasso estremamente elevato di omicidi contro la comunità trans, con almeno 13 persone che hanno perso la vita a causa della violenza già nel 2021. La maggior parte delle vittime erano donne trans nere. Sebbene questi omicidi possano sembrare estranei al dibattito attualmente in corso in Texas, Perez afferma che sottolineano quanti pochi posti le persone trans devono sentirsi al sicuro. Quel problema sarà solo aggravato da SB 1646, sostengono.

Ci sono così tante persone trans che non ce la fanno, dice Perez. So di essere molto fortunato ad essere ancora vivo e ad avere accesso a una piattaforma che mi permette di parlare per i diritti dei trans. E sento la responsabilità di usarlo da adulto per parlare contro questi problemi e questi legislatori che stanno attaccando i bambini trans. Non dovrebbero farlo da soli e di certo non sono soli.