Le persone trans sono state quasi trascurate dalla storica decisione sull'occupazione della Corte Suprema

È una storia vecchia quanto lo stesso movimento per i diritti LGBTQ+: i progressi in materia di diritti civili sulla base dell'orientamento sessuale sono stati spesso prioritari rispetto alla protezione dell'identità e dell'espressione di genere, lasciando per strada le persone trans e di genere non conformi. Apparentemente, questo era quasi il caso nella storica sentenza della Corte Suprema impedito ai datori di lavoro di discriminare i dipendenti LGBTQ+ questo giugno.



Il decisione fondamentale è emersa come una grande vittoria per la comunità LGBTQ+, che si era ampiamente basata sulla legislazione statale e federale per cercare in anticipo tutele occupazionali. Fino alla recente sentenza, un mosaico di quasi due dozzine di stati e il Distretto di Columbia avevano leggi che proibivano esplicitamente la discriminazione sul lavoro basata sull'orientamento sessuale o sull'identità di genere, secondo il Progetto di avanzamento del movimento .

La sentenza di giugno ora protegge l'occupazione LGBTQ+ ai sensi del Titolo VII del Civil Rights Act, estendendo le disposizioni di legge contro la discriminazione basata sul sesso alle persone LGBTQ+. Tuttavia, secondo fonti riservate e documenti trapelati riportati da CNN , i giudici della corte hanno prima votato a favore dei casi che coinvolgono due omosessuali, Gerald Bostock e Donald Zarda, ma nel caso di Aimee Stephens , una donna transgender che è stata licenziata dal suo lavoro nei servizi mortuari nel Michigan, le deliberazioni si sono rivelate irascibili.



Stephens ha affermato di essere stata licenziata dopo aver detto al suo capo che aveva intenzione di uscire al lavoro. Secondo la CNN, alcuni giudici hanno sollevato preoccupazioni sul fatto che la sentenza sul caso di Stephens potrebbe implicare anche l'affrontare questioni di libertà religiosa e bagni condivisi tra persone dello stesso sesso. Alla fine, il giudice Elena Kagan è stato in grado di persuadere i suoi colleghi più conservatori, il giudice capo John Roberts e il giudice Neil Gorsuch, a votare insieme ai giudici più liberali, facendo appello al rigoroso approccio testualista di Gorsuch alla legge nel farlo.



Roberts ha incaricato Gorsuch di scrivere l'opinione a nome della maggioranza al potere della corte. Quando Roberts ha assegnato i casi a Gorsuch, riferisce la CNN, si è concentrato molto sul testo del titolo VII che vieta la discriminazione a causa del sesso e ha deciso di coprire sia l'orientamento sessuale che l'identità di genere nella sentenza.

Tuttavia, la questione se il licenziamento basato o meno su presunte obiezioni religiose di un datore di lavoro nei confronti dei lavoratori LGBTQ+ non è stato definitivamente deciso e il linguaggio dell'opinione scritto da Gorsuch lascia la porta aperta a casi futuri che potrebbero cercare di concedere esenzioni in nome della libertà religiosa.

'(Noi) non pretendiamo di rivolgerci a bagni, spogliatoi o qualsiasi altra cosa del genere', ha scritto Gorsuch. «Siamo... profondamente preoccupati di preservare la promessa del libero esercizio della religione sancita dalla nostra Costituzione; tale garanzia è al centro della nostra società pluralistica.



L'amministrazione Trump ha segnalato che non contesterà la sentenza, ma ha continuato a intaccare i diritti LGBTQ+ in altri modi. Ad esempio, l'amministrazione Trump ha minato un mandato dell'Obamacare che proibisce discriminazione nei confronti dei pazienti transgender nelle strutture sanitarie , oltre ad un divieto alle persone trans servizio militare.

Stephens è morto all'età di 59 anni a maggio, settimane prima della storica decisione della Corte Suprema, dopo un lungo attacco di malattie renali.