A una conferenza di canto trans, lavorando per demistificare le nostre stesse voci

La comunità vuole maggiori informazioni sulle proprie voci.



— dal dottor Christopher Cayari argomento di studio della prima Transgender Singing Voice Conference tenutasi all'Earlham College di Richmond, Indiana.

Una notte d'estate in visita a Brooklyn , ero al telefono con la mia amica Meredith. Sapevo che avremmo parlato per un po', quindi ho deciso di camminare e parlare delle tre miglia fino a dove mi trovavo. In poco tempo passai davanti a un negozio di liquori. Ho detto, amico, aspetta, vado a prendere da bere. Sono entrato, non ho disattivato il microfono, ho chiesto all'impiegato una pinta di whisky, l'ho ringraziata e sono tornato in strada. Scusa, sono tornato.



Esita , disse Meredith.



Che cosa?

Lei ha riso a crepapelle. Prima eri al telefono con me tutto dalla voce profonda! Essere come, ' Aw no, man ,' e poi ordinando nel negozio eri come - si voltò in una voce sdolcinata da ragazza cis - Oh ciao! Sì, quello, una pinta per favore? Ok, grazie mille! Buona notte!

Stai scherzando?! Non ne avevo idea.



Quanto spesso , mi sono chiesto dopo, la mia voce lo fa senza che me ne renda conto? Meredith, come me, è una donna transgender. È stato solo il caso della sua intercettazione accidentale che mi ha indotto a capire questo.

Ho difficoltà ad accettare quella voce come mia, dice Ari Agha a metà della seconda Transgender Singing Voice Conference, tenutasi lo scorso marzo all'Earlham College di Richmond, Indiana. Agha aveva parlato della loro voce cantata dopo aver preso il testosterone, eppure ho sentito quel commento specifico - accettando quella voce come mia — come sineddoche per il dolore che così tante persone trans, me compreso, provano per le loro voci, un dolore che Joy Ladin una volta ha descritto nel tentativo di rendere la sua voce simile a quella di una donna cis: Non solo non suonavo femminile, alle mie orecchie, Sembravo a malapena umano.

La terapia vocale per le persone trans, come l'avevo sempre conosciuta, era tradizionalmente incentrata sull'aiutare le persone trans binarie a imitare le persone cis in modo che le nostre voci non ci diano il tempo. L'assunzione di estrogeni non alzerà la voce, ma il testosterone la farà cadere. Ergo, come regola generale, più donne trans perseguivano questo obiettivo rispetto agli uomini trans. Se avessi soldi, potresti pagare per l'aiuto di professionisti e, in caso contrario, forse hai scambiato saggezza e guardato video online. Indipendentemente da ciò, l'obiettivo esplicito era quello di poter essere letto come cis in pubblico. Questo è spesso molto difficile.

Cantando non è una speranza che avrei concepito quando ho iniziato la terapia vocale otto anni fa. Avevo una voce bassa, pensavo che non avrei mai potuto cantare in alto, e il mondo corale era così ferocemente di genere in primo luogo. Perché preoccuparsi?

Molti nella comunità trans contemporanea rifiutano questi obiettivi in ​​quanto reliquie di un vecchio controllo cissessista. Che, in parte, lo sono. Molti di coloro che hanno rifiutato quegli obiettivi, me compreso, hanno comunque cercato di cambiare la loro voce per combattere la disforia vocale, un termine che ho sentito più e più volte quando ho partecipato alla Transgender Singing Voice Conference. Ciò che mi ha fatto capire che ero trans è che la mia voce era a disagio per me, ha detto la partecipante Tabitha Jervis, una neolaureata a Earlham. Era la prima cosa.



È un'area così vulnerabile su cui le persone non si concentrano davvero, ha affermato Yona Twena, che ha tenuto una presentazione sull'allenamento vocale basato sui pari. Navigare la disforia vocale in un luogo di euforia vocale a volte è un percorso molto oscuro.

Non credo sia inopportuno suggerire che molti di noi abbiano rapporti con le nostre voci che nella migliore delle ipotesi assomigliano a un amaro cessate il fuoco. Certamente non mi è piaciuta la mia voce, ho condiviso la sensazione di Ladin che non suonasse nemmeno umana, la mia voce mi ha tradito come trans e mi ha ributtato mentalmente nei vecchi, terribili spazi mentali di sentirmi un uomo. Quali sono le emozioni che mi vengono in mente quando penso, come ha detto Twena, alla disforia vocale.

Disforia non è una parola, certamente, che avrei riconosciuto nella mia vecchia vita etero da cantante baritono, quella che ho lasciato quando sono passato. Cantando non è una speranza che avrei immaginato quando ho iniziato la terapia vocale otto anni fa, in alternativa con un logopedista e nella mia stanza ai video di YouTube. Avevo una voce bassa, pensavo che non avrei mai potuto cantare in alto, e il mondo corale era così ferocemente di genere in primo luogo. Perché preoccuparsi? Non saresti mai più in grado di esibirti di nuovo, osservò mia madre quando le dissi che potevo diventare una signora. Non mi è mai venuto in mente che potesse sbagliarsi.

Gente che canta.

Fredrik Andersson

Sono andato a Richmond pensando a quanto ci fossimo sbagliati entrambi. Il primo cartello, letterale e dai colori vivaci in questo caso, è apparso sulla US Route 40: TRANSGENDER SINGING VOICE CONFERENCE. La lobby delle arti dello spettacolo di Earlham, punto di riferimento per il raduno per tutto il fine settimana, conteneva un palpabile e affascinante borbottio di cameratismo: studenti omosessuali con i loro migliori amici, professionisti remoti che si riuniscono principalmente in eventi come questi. La seconda mattina, sono entrato di nascosto e ho trovato circa una dozzina di cartelloni su supporti in giro per la stanza. Uno conteneva l'immagine, la storia della vita e il lavoro compositivo di Mari Ésabel Valverde, una compositrice trans latina di 32 anni il cui lavoro avevamo cantato il giorno prima. Il prossimo è stato su Wendy Carlos, una musicista elettronica famosa per gli anni '68 Bach acceso , uno dei primi album popolari con i sintetizzatori (e uno dei primi musicisti famosi ad uscire come trans, nel 1979). Dall'altra parte della passerella c'erano esibizioni sulla band punk esplosiva di breve durata G.L.O.S.S. e il cantante soul Shea diamante (chi ha tale a bella fottuta voce ).

Alcuni giovani, ben vestiti, stavano pigramente attorno a questi progetti, che si sono rivelati incarichi per un seminario da matricola intitolato Musica e Resistenza. Sono stato toccato da questo.

Inizieremo con qualche minuto di ritardo! disse Danielle Cozart Steele all'atrio il primo giorno, poco dopo le otto del mattino. Steele è stato l'organizzatore e fondatore della conferenza, un collaboratore cis del college con un'energia dal cuore grande e vorace. Prima dell'aprile 2016, non c'era un solo sito web corale quando cercavi il termine transgender', ha detto a proposito della storia delle origini del raduno. 'Ho avuto il mio primo studente transgender nel 2013. Stavo postando su Facebook, parlando di pedagogia. Altri insegnanti di coro mi hanno contattato dicendo: 'Ehi, ho il mio primo studente trans, cosa devo fare?'

Stava cercando ricerche per supportare quello che stava facendo e non riusciva a trovare quasi nulla, ha detto Jervis, che è stato uno dei primi studenti trans di Steele. Ha iniziato a compilare un database che è arrivato a comprendere 80 educatori. Un piano per riunirsi per una notte per discutere le migliori pratiche relative alla pedagogia della voce trans si è trasformato nella prima conferenza e ora nella seconda di quest'anno.

Alla fine del discorso di apertura, abbiamo cantato da un pacchetto di musica corale contenente lavori esclusivamente di persone trans: United in Song di Ésabel Valverde, un breve e audace inno di una melodia. Senza pensare, ho scansionato le linee del tenore e del basso, ho scelto il basso e ho cantato.

Tutti hanno effettivamente a disposizione questa bussola vocale più ampia. Siamo socializzati a usarne solo una parte più ristretta, specialmente nel coro.

Ho avuto la fortuna di fare molte cose con le persone trans nella mia piccola sciocca vita. Fino ad allora, il canto non era stato uno di questi. Il mio corpo si è sciolto. Il solito nodo alla schiena che si stringe durante i canti natalizi e i compleanni in ufficio è svanito. È stata un'assenza istantanea, come ci si sentiva mentalmente liberi di cantare in uno spazio così apertamente blasé di una donna che cantava il basso. Di solito non mi piace nemmeno quella parte della mia voce. Era come esistere all'improvviso in un'altra lingua.

La voce principale non è la voce principale La voce principale non è la voce principale, ha affermato William Culverhouse nella sua presentazione su come i direttori di coro possono essere migliori alleati trans. Il suo punto era che la dualità di quella che viene definita 'voce di testa' (canto più acuto con risonanza interna nella testa) e 'voce di petto' (canto più basso, risonanza interna nel petto) sono idee di genere, non radicate in alcuna pedagogia necessaria, e sicuramente non è utile per i cantanti trans. Invece, ha usato un sistema che ha chiamato M1/M2/M3/M4. M1/M2 erano per le persone che avevano avuto una predominanza di testosterone nel loro sistema ad un certo punto e M3/M4 per coloro che non l'avevano. Il primo numero designava il registro che comunemente pensiamo come voce di petto, il secondo per voce di testa.

Sono rimasto sbalordito da quanto sia intuitivo e utile questo si è sentito subito. Infatti, quando penso alla voce di testa, penso inevitabilmente alla femminilità, ai controtenori angelici e alle voci di donne cis. Quando penso alla voce di petto, penso ai baritoni dai capelli robusti, ai ragazzi di Greased Lightnin' e quella volta ho fatto il provino con la canzone Il vagabondo .

Culverhouse ha continuato esprimendo il desiderio di rimuovere le associazioni di genere con parti di contralto e tenore in particolare. Tutti hanno effettivamente a disposizione questa bussola vocale più ampia, ha detto più tardi in un colloquio con una vicina stazione radio del college. Siamo socializzati a usarne solo una parte più ristretta, specialmente nel coro.

Questo pensiero è stato ripreso da Kristofer Matthias Eckelhoff, che ha menzionato che molte donne cis cantavano tenore e baritono all'inizio del XX secolo. A quel tempo non era considerato poco femminile. Nessuno pensava che fosse strano, cantavano solo piano, ha detto.

Eckelhoff gestisce una scala mobile studio vocale per cantanti trans a New York City. Uno dei suoi studenti, ci ha detto, ha alzato la voce a il quarto in un anno di intensa pratica.

Fatti semplici come quelli che ho trovato rinfrescanti e riflettenti di una realtà da cui ho fatto eco Wendy Vastino , un logopedista che ha co-presentato con Twena l'allenamento vocale basato sui pari: a volte le persone arrivano con il desiderio di sembrare una certa star del cinema... a volte le persone fanno così tanti progressi con la loro voce, ma non si arriva mai a quell'idea. Questi non sono tutti, ma è un sacco di gente. È qui che entra in gioco il luogo terapeutico.

La terapia, di tipo non vocale, è stata infatti menzionata da molti professionisti come parte integrante del loro lavoro, indipendentemente dal tipo di educatore che rappresentavano. Normalmente.

'Canta in qualsiasi ottava ti trovi bene', osservò Steele mentre ci alzavamo. Era quasi una parentesi. Suppongo che lo fosse.

Ora: la conferenza è stata calda e divertente! E: la maggior parte delle sessioni della conferenza è iniziata con un disimballaggio dei termini di Trans 101 e un riconoscimento delle cupezze dell'esistenza trans. Tutti i professionisti con cui ho parlato con la povertà menzionata tra i loro clienti; molti hanno discusso della necessità e delle prove del servizio su scala mobile. E come accade quando un gruppo di persone trans si riunisce e rimane a bocca aperta, abbondano i riferimenti al crepacuore e al trauma: un accenno al disturbo da stress post-traumatico da stress per fare da sfondo a una domanda, una parentesi per anni di terapia riparativa che ha causato una tossicodipendenza, una richiesta di amicizia su Facebook sotto un vecchio nome (la mia famiglia non lo sa). E mentre molti hanno riportato esperienze positive all'interno del mondo corale, c'erano, ovviamente, anche altre storie. Eckelhoff in particolare ha parlato di un amico il cui insegnante gli ha detto di non passare fino al diploma, perché gli ormoni avrebbero rovinato la sua carriera, e dei suoi studenti che sono stati licenziati dai concerti perché le loro voci non corrispondevano a quelle cis. (Ecco mia madre, avendo ragione.)

Alla fine della prima giornata, ci siamo riuniti nella sala dei recital per cantare di nuovo. Canta in qualsiasi ottava ti senti a tuo agio, osservò Steele mentre ci alzavamo. Era quasi una parentesi. Suppongo che lo fosse.

Ci siamo spostati attraverso undici brani, dalla stranamente calda Gay Sex Poem con musica di Isaac Schankler e testi di Aiden Kim Feltkamp all'affascinante Vigilia di Capodanno di Brin Solomon, dove il narratore sogna una festa in cui tutti sono trans. Abbiamo cantato un altro pezzo di Valverde, Linee di confine , una melodia inquietante con la stessa ampiezza e grandezza di United in Song. In mezzo c'erano esibizioni da solista, una delle quali preferita era un'altra melodia di Salomone: Ehi Zucchero , cantata da un dolce primo anno di nome Mattie, in cui il regime HRT della cantante stimola voglie di sale così drammatiche che una rottura con lo zucchero, il loro ex amore, è imminente: Puoi conservare la mousse al cioccolato / Se per favore, passa il succo di sottaceti .

La conferenza si è conclusa nel tardo pomeriggio di domenica. Circa 25 persone si sono presentate all'ultima sessione; la sinergia di stanchezza ed eccitazione che accompagna gli eventi di questo genere aveva lasciato molti senza benzina, con abbondanza già sulla strada del ritorno a casa.

Il dottor Christopher Cayari ha parlato della demistificazione che hanno osservato nel loro caso di studio della prima conferenza, non solo dagli educatori cisgender che sono rimasti meglio attrezzati per insegnare agli studenti trans, ma anche dai partecipanti trans che si sono resi conto di quanto condividessero l'uno con l'altro. (Ho pensato di cantare il basso in questa folla il giorno prima.) La comunità, ha osservato Cayari, vuole maggiori informazioni sulle proprie voci.

I partecipanti, a loro volta, hanno elogiato l'atmosfera collaborativa. In effetti, al contrario di alcune conferenze in cui i relatori principali delle rockstar tornano di corsa nelle loro stanze d'albergo, sia i presentatori che gli organizzatori erano nelle sessioni l'uno dell'altro, seduti sul pavimento, facendo domande e scambiandosi storie.

Ed è qui che sorse l'elefante della rappresentazione. La conferenza era stata pesantemente, pesantemente bianca, il tipo di evento in cui le istanze pronunciate della frase, in particolare donne trans di colore, superavano il numero di donne trans di colore effettive presenti. (Anch'io sono bianco.) Un presentatore bianco ha detto di aver parlato con entusiasmo della conferenza a un'amica trans con Due Spiriti a casa, che ha detto che non penso che sarebbe davvero per me; sembra davvero transgender bianco. L'amico non è venuto. Non è stata sollevata durante la sessione, ma menzionata frequentemente nelle interviste, è stata la forte inclinazione verso la programmazione e la presentazione transmascoline, sebbene molte persone transfemminili fossero presenti e molti fornitori abbiano menzionato una maggiore domanda da parte delle persone transfemminili per il lavoro vocale. Kevin Dorman , un logopedista che vede le persone trans in Virginia e nelle Carolina, ha stimato che si tratta di circa l'85% dei loro clienti.

Quante persone trans si riferiscono alla 'disforia' come se fosse una malattia, un nemico la cui mitigazione si misura in gradi di repressione? Una malattia senza possibilità di inversione?

Sono stati fatti suggerimenti per raccogliere fondi in modo che i costi non costituissero un ostacolo. È stato affermato che l'attuale posizione potrebbe non essere il posto migliore per accogliere i partecipanti più emarginati; Richmond è una città di 35.000 abitanti, lontana dai principali aeroporti, in una contea fortemente bianca che ha votato Trump per 30 punti (e per ricordarmi la segretezza in base alla quale si tenevano tradizionalmente le riunioni formali dei trans americani, l'insegna dell'atrio dell'hotel congressuale ha accolto con favore i partecipanti alla CONFERENZA VOCALE DELL'EARLHAM COLLEGE). Steele ha affermato che la prossima conferenza avrà un comitato consultivo incentrato sulla rappresentanza e cercherà una nuova casa. Quello che è iniziato come pochi insegnanti che volevano riunirsi per condividere le migliori pratiche si è trasformato in un grande evento nazionale, ha detto.

Durante il viaggio di ritorno, ho riflettuto su come la conferenza fosse stata catartica e divertente, un godimento personale filtrato attraverso un prisma contenente la frattura della femminilità trans e il predominio del bianco. Era stato uno strano miscuglio di spazio culturale e professionale; abbiamo cantato musica corale esclusivamente da persone trans e abbiamo letto di G.L.O.S.S. e Shea Diamond nella sala, mentre la storia delle origini della conferenza era quella di educatori corali cis che cercavano di capire come insegnare ai loro bambini trans.

Quella non era una brutta cosa, più un mix cognitivo di confusione ragione d'essere . Da quel fine settimana, sono rimasto bloccato su quell'osservazione di Cayari: la comunità vuole più informazioni sulle proprie voci.

Una parte di me aveva trovato quella frase strana. Informazione certo non sembrava il fattore carente per le persone trans che avevano problemi con la voce; questioni di disforia, transfobia sociale e barriere economiche ai servizi sembravano più pertinenti.

Eppure anche quell'affermazione sembrava così vero nelle mie ossa, in modo immediato non potevo esprimere.

Guardando indietro, forse lasciare andare la voce di petto e la voce di testa era un'informazione. (Quale insegnante di coro del liceo non ha presentato quei termini come fatti concreti?) E l'invocazione di euforia vocale di Twena era un'informazione, una cosa che potrei forse usare per spiegare come ci si sente a cantare in buona compagnia quel fine settimana. Quante persone trans si riferiscono alla disforia come se fosse una malattia, un nemico la cui mitigazione si misura in gradi di repressione? Una malattia senza possibilità di inversione? Mi sono piaciute queste possibilità.

C'era un altro motivo perché le informazioni mi sono rimaste impresse, però. Il giorno prima di arrivare a Richmond, sono andato in un caffè per una lettura. Ero terribilmente in ritardo. Due ragazzi mi hanno fermato fuori. Sai cosa sta succedendo lì dentro?

Così ho detto loro. Probabilmente è finita, ho spiegato. Sto solo salutando gli amici.

Questo è un ragazzo ! uno ha detto e sono scappati via ridendo. Porca puttana, l'hai visto? È un ragazzo!

VAFFANCULO! Ho urlato loro contro mentre giravo l'angolo verso il luogo in cui la porta era stata spalancata e la lettura era ancora in corso, completamente assistita. I miei amici erano due studenti del lavoro e mi sono subito vergognata: un vecchio pasticcio di una donna fallita, che interrompe una lettura che volevo solo andare tranquillamente a sostenere. Ma: Tutti mi hanno detto in seguito, mentre cercavo di scusarmi, che non avevano sentito nulla. Non sono stato affatto un disturbo. Come quella sera al telefono a Brooklyn, le mie presunte informazioni sulla mia voce erano sbagliate. Non avevo ancora idea di come venissi ascoltato.

Ottieni il meglio da ciò che è queer. Iscriviti alla nostra newsletter settimanale qui.