True Blood, uno degli spettacoli più impenitenti della HBO, sta ottenendo un riavvio

Crescendo, pochi personaggi hanno risuonato con me di più Sangue vero 'S Lafayette Reynolds , un cuoco impenitente e sfacciato per il Bar and Grill di Bellefleur. Interpretato dal compianto attore Nelsan Ellis, Lafayette è stato uno dei primi personaggi televisivi che ho visto a trasgredire con orgoglio le norme di genere. E oltre a ciò, ha fatto tutto rifiutandosi di accettare la discriminazione anti-gay da chiunque. non dimenticherò mai come si è comportato un paio di sbronzo ubriachi quando hanno rispedito un hamburger che aveva cucinato perché l'hamburger poteva avere l'AIDS. Nel suo caratteristico copricapo e canotta, Lafayette si è avvicinato audacemente al tavolo, ha sbattuto l'hamburger e ha lasciato che gli omofobi avessero un pezzo della sua mente: Baby, è troppo tardi per quello, ha detto quando i clienti hanno affermato che avrebbero dovuto una voce in capitolo su chi arriva a fare il loro cibo. I froci hanno allevato le tue mucche, allevato i tuoi polli, persino preparato la tua birra molto prima che io mettessi il mio culo sexy in questo figlio di puttana. Tutto sul tuo maledetto tavolo ha l'AIDS! Quando hanno ancora insistito per dargli del filo da torcere, Lafayette ha leccato il panino, lo ha spinto in una delle loro facce e ha proceduto a prendere a pugni tutti e tre i cosiddetti uomini macho, tutto da solo.



Ovviamente, Lafayette era solo uno dei tanti personaggi queer in cui apparire Sangue vero . Infatti, la popolare serie HBO, già allegoria delle minoranze costrette a inserirsi in un mondo che non le rispetta davvero, è stata elogiata come una delle migliore strano positivo Spettacoli del suo tempo, caratterizzato da una moltitudine di personaggi forti, potenti e sicuri di sé che esistevano attraverso lo spettro LGBTQ+. E ora, più di sei anni dopo che la serie di successo è andata in onda, Sangue vero sta aspettando un grande ritorno, con la HBO già impegnata nello sviluppo di un riavvio.

Elsa Martinelli e Annette Vadim entrano Perché siamo ancora così ossessionati dai vampiri lesbici? A partire dal La figlia di Dracula a I diari del vampiro , la vampira lesbica è rimasta un potente simbolo di fluidità sessuale per decenni. Visualizza storia

Basato sulla popolare serie di romanzi di Charlaine Harris I misteri dei vampiri del sud , Sangue vero ebbe luogo a Bon Temps, in Louisiana, durante un periodo in cui ai vampiri era permesso di vivere pacificamente tra gli umani mortali poiché lo sviluppo di un sostituto del sangue sintetico consentiva loro di banchettare senza cacciare i vivi per sopravvivere. Una storia gotica di vampiri, lupi mannari e streghe, lo spettacolo è stato un vero successo quando ha debuttato su HBO nel 2008, diventando persino lo spettacolo più visto del canale da allora I Soprano nella sua stagione d'esordio. Durante la sua corsa di sette stagioni, Sangue vero ha ottenuto un Golden Globe per la sua star, un Emmy per il suo casting e molte altre nomination agli Emmy per la sua scenografia creativa e l'audace direzione artistica.



Con la vincitrice dell'Oscar Anna Paquin nel ruolo di Sookie Stackhouse, un Halfling (metà fatata, metà umana), la serie di successo ha anche contato il vincitore del Golden Globe Alexander Skarsgård, la vincitrice dell'Emmy Carrie Preston, Rutina Wesley, Joe Manganiello e Stephen Moyer tra i suoi personaggi abituali lancio. Per ora, nessun membro del cast originale dovrebbe apparire nel revival.



Senza una parola su chi o cosa aspettarsi dal prossimo riavvio, non c'è modo di dire se questo revival di una serie così storica per la rappresentazione LGBTQ+ continuerà o meno questa tendenza. Tuttavia, con il creatore queer originale dello show Alan Ball che torna a dirigere il suo riavvio, e Roberto Aguirre-Sacasa (il visionario queer dietro Riverdale , Le terrificanti avventure di Sabrina , e il andato troppo presto Katy Keene ) e Jami O'Brien (il creatore del successo di AMC con Zachary Quinto). NOS4A2 ) lavorando insieme per scrivere la sceneggiatura pilota e la produzione esecutiva, possiamo tranquillamente presumerlo True Blood: Il Re-Up (non è il suo vero nome, ovviamente) sarà altrettanto gloriosamente queer-friendly come lo spettacolo che ha infranto così tante barriere tutti quegli anni fa.