Una blogger di estrema destra è stata citata in giudizio per aver affermato falsamente che una Drag Queen si era esposta

Eric Posey, noto anche come Mona Liza Million, ha perso il lavoro da quando il video falsamente modificato è circolato su molti account di social media conservatori.   L'immagine può contenere testo e banner Settimane Devin/AP

Una drag queen dell'Idaho ha citato in giudizio un blogger di destra per diffamazione dopo che il blogger ha affermato falsamente che l'artista si è esposto ai bambini durante un'esibizione del mese dell'orgoglio.



Un Reclamo di 11 pagine depositato in un tribunale dello stato dell'Idaho lunedì, dettagli come Summer Bushnell della pagina Facebook “Il rapporto Bushnell” ha pubblicato un video modificato di un'esibizione dell'11 giugno di Eric Posey, noto anche come Mona Liza Million, al festival Pride in the Park nell'Idaho settentrionale. La causa recita che Bushnell sapeva che Posey, in effetti, non si era esibito, ma che aveva mentito 'per guadagnare popolarità sui social media', il che ha funzionato, con '19 volte più visualizzazioni di ciascuno dei suoi 10 video precedenti'.

Uno screenshot del video incluso nella denuncia mostra un'immagine della performance di Posey con l'inguine sfocato, con una didascalia che invita gli spettatori a denunciarlo alla polizia. Ma la denuncia include anche uno screencap del filmato inedito, che mostra chiaramente che l'inguine di Posey era coperto, come lo era sempre durante la performance. La stessa Bushnell ha ammesso di aver visto il filmato inedito, poiché lo ha inviato due volte alla città di Coeur d'Alene.



Secondo la denuncia, il dipartimento di polizia di Coeur d'Alene ha aperto un'indagine e ha interrogato Posey. Il 1° luglio il dipartimento ha rilasciato una dichiarazione in cui si afferma che, dopo aver esaminato il filmato inedito, non c'erano prove a sostegno di alcuna accusa di esposizione indecente.



Le notizie locali hanno anche pubblicato il filmati inediti due giorni dopo lo spettacolo, sfatando le affermazioni secondo cui Posey si era esposto. Ma nonostante la dichiarazione del dipartimento di polizia e il filmato inedito, il video ha continuato a circolare in tutta la camera dell'eco dei social media di destra. Chaya Raichik del Libri di TikTok L'account Twitter ha ripubblicato il filmato falsificato il 31 luglio, citando un tweet che si riferiva a Posey come un 'pedofilo' con 'Questo è l'aspetto di uno spettacolo di trascinamento' adatto alle famiglie '', secondo un rapporto di Questioni mediatiche . Il video, e l'idea che Posey si sia esposto, è stato propagato anche da altri importanti media di destra come Gays Against Groomers, InfoWars, The Post Millennial e altri, per Media Matters.

A causa di quanto sopra, la denuncia afferma che Posey ha 'subito un estremo disagio emotivo a causa delle continue molestie pubbliche e delle indagini della polizia sulla sua performance'. Ciò includeva persone che pubblicavano volantini intorno a Coeur D'Alene con la foto falsificata di Posey. La denuncia dice anche che la reputazione di Posey è stata offuscata, che ha 'subito conseguenze' con il suo datore di lavoro permanente e ha perso altre opportunità professionali. Afferma che Bushnell lo ha diffamato e chiede un processo con giuria, in cui spera di ricevere risarcimenti, spese legali, interessi pre e post-sentenza e qualsiasi altra forma di risarcimento appropriato.

In un dichiarazione pubblicato martedì dallo studio legale di Posey, ha detto: 'Dopo tre mesi di silenzio, ora tocca a me parlare'.



'Nonostante siano stati scagionati da ogni accusa, i provocatori hanno continuato a diffondere il video falsificato della mia esibizione, non solo diffamandomi, ma anche incitando a una reazione contro la comunità LGBTQIA+ in tutto lo stato', ha detto Posey. “Non ho altra scelta che intraprendere un'azione legale per ritenere i responsabili delle bugie responsabili delle loro azioni. La mia speranza è che questa causa civile metta fine alle odiose campagne di disinformazione condotte in Idaho'.

Pride in the Park ha anche evitato di cadere in un'imboscata da parte di una milizia di 31 persone composta da membri del gruppo nazionalista bianco Fronte Patriottico . Le persone hanno viaggiato da tutto il paese con equipaggiamento antisommossa per tentare di prendere d'assalto la celebrazione dell'orgoglio, solo per essere arrestate dopo essere state viste fare i bagagli in un U-Haul in un hotel. Anche Libs di TikTok e altre influenze dei social media di destra sono state responsabili del intenso controllo nazionale lanciato sulla cerimonia dell'orgoglio dell'Idaho.