La Casa Bianca mente, Trump è il primo presidente a mostrare il nastro rosso in occasione della Giornata mondiale dell'AIDS

Il segretario stampa della Casa Bianca Kayleigh McEnany ha affermato falsamente che Donald Trump è stato il primo presidente a mostrare un nastro rosso in occasione della Giornata mondiale dell'AIDS dopo essere stato pressato per la sua cancellazione delle persone LGBTQ+ per il quarto anno consecutivo.



Di mercoledì, Lama di Washington giornalista Chris Johnson ha interrogato McEnany durante una conferenza stampa sul motivo per cui il presidente ha scelto di ignorare la comunità LGBTQ+ in una dichiarazione rilasciata martedì per onorare l'osservanza annuale. Come loro. precedentemente segnalato , il proclama ufficiale di Trump si riferiva all'HIV/AIDS come a una malattia mortale [che] colpisce in modo sproporzionato le minoranze razziali ed etniche, ma non ha menzionato che gli uomini gay e bisessuali, così come le donne transgender, rimangono colpiti in modo sproporzionato dall'epidemia in corso.

Il presidente ha incluso un riferimento alle minoranze razziali ed etniche, ha chiesto Johnson, quindi perché non le persone LGBTQ?



McEnany ha affermato che la dichiarazione di Trump era appropriata e ha aggiunto che l'incumbent è il primo POTUS a onorare coloro che hanno perso l'HIV / AIDS appendendo un nastro rosso a due piani davanti alla Casa Bianca. Il presidente ha onorato la Giornata mondiale dell'AIDS ieri in un modo che nessun presidente ha mai fatto prima, con il nastro rosso lì, ha detto, e penso che abbia commemorato la giornata come avrebbe dovuto.



C'è un problema con questa affermazione, però: non è vero. Secondo Politico , il display risale alla Casa Bianca di George W. Bush , che ha appeso per la prima volta il nastro nel 2007 su sollecitazione del suo direttore associato delle comunicazioni, Steven Levine, che è un uomo apertamente gay.

Dopo che Bush ha continuato la tradizione l'anno successivo, L'indipendente americano , una testata giornalistica senza scopo di lucro, riferisce che Barack Obama affiggere il display almeno due volte: nel 2009 e nel 2012.

Trump ha mostrato il nastro in due occasioni precedenti, a 2017 e 2019 .

Contenuti Twitter



Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Ma ciò che separa Trump dal suo predecessore è che la proclamazione della Giornata mondiale contro l'AIDS di Obama ha rilevato il rischio sproporzionato affrontato da uomini gay e bisessuali, persone transgender, giovani, neri e latinoamericani, persone che vivono negli Stati Uniti meridionali e persone che si iniettano droghe.

Quando Johnson ha tentato di fare pressioni su McEnany sulla discrepanza tra le dichiarazioni di Obama e Trump, soprattutto considerando che Trump ha cancellato le persone LGBTQ+ durante la Giornata mondiale dell'AIDS ogni anno in carica, avrebbe risposto a una domanda da Una rete di notizie americane invece, un canale di notizie pro-Trump. L'amministrazione non ha risposto alle richieste di commento del Lama sul mancato riconoscimento da parte di Trump della comunità LGBTQ+ nei suoi messaggi sull'HIV/AIDS.

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump Trump cancella le persone LGBTQ+ per la quarta volta nella dichiarazione finale della Giornata mondiale contro l'AIDS Il presidente eletto Joe Biden, al contrario, ha affermato che la sua amministrazione raddoppierà i nostri sforzi per affrontare le disuguaglianze sanitarie che prendono di mira le persone LGBTQ+. Visualizza storia

La gaffe è abbastanza normale, dato il record di Trump sull'HIV / AIDS come presidente. Poco dopo essere stato eletto nel 2017, sei membri del Presidential Advisory Council of HIV/AIDS smise quando si rifiutò di ristabilire l'Ufficio per la politica nazionale sull'AIDS. Coloro che non si sono dimessi per protesta verrebbe successivamente licenziato .

Anche se ha promesso di porre fine all'epidemia di HIV/AIDS entro il 2030, Trump ha ripetutamente spinto a tagliare i fondi per il trattamento e la prevenzione globale, che i critici avvertito costerebbe milioni di vite .



Al contrario, il presidente eletto Joe Biden ha rilasciato una dichiarazione in occasione della Giornata mondiale dell'AIDS giurando che l'amministrazione entrante raddoppierà i nostri sforzi per affrontare le disuguaglianze sanitarie che hanno un impatto sulle comunità di colore, sulle persone LGBTQ+ e su altri gruppi emarginati, inclusi donne e bambini. Lui ha chiamato anche a aumentare i finanziamenti a programmi come Ryan White HIV/AIDS Program e Housing Opportunities for Persons with AIDS, rafforzare gli uffici governativi dedicati alla lotta contro l'HIV/AIDS e sradicare le leggi discriminatorie contro la trasmissione dell'HIV tra partner sessuali.