Perché le vittorie primarie LGBTQ+ Arizona e Florida stanno cambiando il gioco per il Congresso

Mentre ci avviciniamo alle elezioni di medio termine di novembre, quest'anno si sta candidando un raccolto storico di oltre 400 candidati apertamente LGBTQ+, un numero maggiore di quello che abbiamo mai visto nella politica statunitense. E martedì sera, due elezioni primarie chiave in Florida e Arizona hanno avvicinato molto di più alla carica una coppia di donne queer: la democratica dell'Arizona Krysten Sinema e la democratica della Florida Lauren Baer.



Sinema, che è bisessuale, ha vinto la nomination del suo partito al Senato dell'Arizona. In una delle gare più seguite dell'anno, Sinema corre per sostituire il senatore repubblicano in pensione Jeff Flake - e ha affrontato un formidabile gruppo di repubblicani alle primarie, incluso quel bastione del profilo razziale recentemente graziato, Sceriffo Joe Arpaio . La candidata del GOP Martha McSally, ex rappresentante del Congresso con a storia di promuovere la politica anti-LGBTQ+, si troverà ad affrontare Sinema a novembre.

Gli elettori dell'Arizona hanno infranto un tetto color lavanda nella scelta di Kyrsten Sinema come candidata democratica per il Senato degli Stati Uniti - e questo la mette sulla buona strada per essere solo la seconda senatrice apertamente LGBTQ degli Stati Uniti nella storia americana, ha affermato il sindaco Annise Parker, Presidente e CEO di LGBTQ Victory Fund .



Nel frattempo in Florida, Baer, ​​che è lesbica, è emersa vittoriosa nella sua corsa principale per la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti. A novembre affronterà il rappresentante in carica Brian Mast e, se vincerà, sarà la prima lesbica eletta al Congresso dalla Florida.



'Sono entusiasta che gli elettori democratici del 18° distretto della Florida siano d'accordo sul fatto che Lauren Baer sia solo il leader per rinvigorire la regione', ha affermato Stephanie Sandberg, direttrice esecutiva dell'LPAC - l'unico gruppo di azione politica della nazione per le donne queer in politica - ha detto in un dichiarazione. Non solo Lauren sarà un favoloso legislatore; sarà anche una storica.'

Anche Baer si è congratulato con lui Twitter dall'ex ambasciatore delle Nazioni Unite Samantha Power. Baer è stato consigliere senior del potere dopo precedenti ruoli consultivi con i segretari di stato Hillary Clinton e John Kerry.

Contenuti Twitter

Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.



In Florida, anche il primo e unico legislatore LGBTQ Latinx dello stato, Carlos Guillermo Smith, ha vinto le primarie incontrastate, così come Jennifer Webb, che si candida per la Camera dei rappresentanti della Florida nel distretto 69. Webb sarebbe la prima legislatrice statale lesbica in Florida.

L'importanza delle primarie del 28 agosto non si limitava solo ai candidati apertamente LGBTQ+. In Florida, il governatore repubblicano Rick Scott ha abbandonato la sua posizione di capo dell'intero stato per cercare di strappare un seggio al senato da Bill Nelson, che attualmente è l'unico democratico del senato della Florida.

Se Scott vincerà il generale, servirà lo stato insieme a Marco Rubio e aiuterà a garantire che il Senato rimanga sotto il controllo del GOP. Scott ha affrontato le critiche dei sostenitori LGBTQ+ della Florida, che affermano di aver falsificato promesse per spingere per l'uguaglianza dopo il massacro di Pulse, ma non è mai stato portato a termine.

E gli americani LGBTQ+ stanno perdendo uno dei nostri più forti alleati nel Partito Repubblicano; Ileana Ros-Lehtinen va in pensione dopo quasi tre decenni di servizio nella contea di Miami-Dade al Congresso. Ros-Lehtinen, che ha un figlio transgender e ha parlato con passione dei diritti LGBTQ+ oltre ad essere spesso l'unico sponsor repubblicano della legislazione federale pro-LGBTQ+, potrebbe essere sostituito da uno dei rispettivi candidati al partito che hanno vinto martedì sera: la democratica Donna Shalala e la repubblicana Maria Elvira Salazar.