Perché la principessa Diana è un'icona queer duratura

Una delle grandi opere del cinema queer britannico è probabilmente quella degli anni '45 Incontro breve , un adattamento del cortometraggio di Noel Coward Natura morta . È l'esplorazione di Coward della sessualità repressa attraverso persone eterosessuali: due sconosciuti sposati si incontrano per caso in una stazione ferroviaria e iniziano una lusinghiera relazione con un rinfresco. È così britannico che, quando è stato proiettato in Francia, il pubblico non riusciva a capire perché due persone avrebbero lottato così intensamente contro l'obbligo. Anche quando la Laura di Celia Johnson cerca di uccidersi alla fine del film, quando i suoi ultimi momenti con Alec vengono interrotti da un vicino indaffarato che è troppo educata per ignorare, vediamo come il resto del cast pensa che sia appena uscita per una nuova aria.



Celia Johnson è l'epitome di un particolare tipo di tropo gay che gli uomini britannici amavano da tempo. Se fossi stato vivo nel 19° secolo, sono sicuro che si potrebbero trovare sodomiti che affollano Hedda Gabler o Masha di Cechov tanto quanto Noel Coward era attratto da Laura. E proprio come la performance di Celia Johnson è diventata un'iconica esibizione di repressione sessuale, così credo che la Principessa Diana sia diventata un simbolo dell'oppressione familiare che molte persone omosessuali conoscono fin troppo bene. Quando l'ultimo dei suoi figli si sposa, è tempo di ricordare ancora una volta perché Diana è un'icona queer così duratura e perché così tante persone queer e uomini gay si identificano così fortemente con lei.

La principessa Diana era una paladina dell'uguaglianza omosessuale, ovviamente: il suo eccellente passato Difesa dell'HIV e il impegno per l'attivismo e la giustizia sociale che ha instillato nei suoi figli ne è una testimonianza. Ma ciò che mi ha sempre affascinato di Diana è la sensazione che il suo destino non sia stato uno shock, ma un'inevitabilità, poiché tutte le grandi opere d'arte e le icone sembrano inevitabilmente finire per svilupparsi.



Proprio come sappiamo che le armi di Hedda saranno la sua morte e che Laura non scapperà mai con Alec, così ora sembra ovvio che il matrimonio di Carlo e Diana non è mai stato la favola fantasy che i matrimoni reali dovrebbero sempre essere. Come tutte le grandi icone, alcune sono arrivate ad ammirare Diana per la sua bellezza e la sua dignità. Altri, in particolare le persone omosessuali, la ammirano per quanto tempo è durata di fronte a una situazione di merda.



C'è qualcosa di più strano di una donna favolosa intrappolata in una famiglia squallida? È la storia che tutti portiamo avanti: chi tra le persone queer, non diversamente da Diana, non si è obbligato a cercare di trovare gioia in chi non ha gioia?

Chi di noi non si è gettato ai piedi delle nostre rispettive matriarche, come fece Diana a Elisabetta dopo aver scoperto la relazione del marito, e non ricevette nulla in cambio? Sono andato dalla top lady, singhiozzando e ho detto: 'Cosa devo fare? Vengo da te, cosa devo fare?' E lei disse: 'Non so cosa dovresti fare, Charles è senza speranza.' E basta, questo è stato d'aiuto, lei detto in videocassette trasmesso per la prima volta nel Regno Unito l'anno scorso.

(Ironia della sorte, questa potrebbe essere una delle più grandi eredità di Diana: che sia le madri che i loro figli gay vedano in lei la propria repressione e compromesso. È una via di mezzo davvero meravigliosa.)



Chi di noi non ha, come Diana, un disturbo dovuto al sentirsi un outsider anche negli spazi che dovremmo trovare più sicuri? Non pensavo di essere abbastanza bravo per questa famiglia, quindi me la sono presa con me stessa, lei una volta detto del suo disturbo alimentare. Ho scelto di farmi del male invece di ferire nessuno di voi.

E in quel famoso Intervista a BBC1 Panorama TV che fa sempre il giro quando Diana riappare sui tabloid britannici, ci viene ricordato che non c'era nessuno più consapevole del proprio tragico destino della stessa Diana. Non mi vedo regina, dice, con quello sguardo di ridere della propria tragedia a cui tutti possiamo relazionarci. Perché faccio le cose in modo diverso, perché non seguo un libro di regole, perché guido dal cuore. È consapevole di sé e cupo come qualsiasi altra figura iconica che le persone queer tengono a mente. Ogni donna forte nella storia ha dovuto percorrere un percorso simile, dice nell'intervista. Ma qualcuno deve andare là fuori e amare le persone.

A causa della grave mancanza di uomini, donne e persone pubblicamente queer che si identificano come qualsiasi altra cosa, la comunità queer è diventata brava a cooptare i nostri martiri scelti dal mondo eterosessuale. La morte di Diana è stata una tragedia, assolutamente, ma ciò che è veramente triste è che nessuno pensava che valesse la pena salvarla. Era astutamente consapevole della propria sorte e continuò a essere battuta dall'unico sistema più represso e dedito al dovere della Gran Bretagna in generale: la famiglia reale.

Qual è davvero un tributo più appropriato alle masse di vittime dell'AIDS su cui il mondo ha chiuso un occhio, fino a quando non è stato improvvisamente deciso che erano martiri? Quale simbolo più adatto c'è per tutti coloro che sono bloccati in famiglie che sentono di non poter mai scappare? La storia di Diana manca della sopravvivenza, del recupero e della perspicacia della musica da discoteca o di molte delle nostre altre icone preferite; piuttosto, la amiamo perché la sua storia è intrisa dell'oscurità di tutte le cose care agli omosessuali.



Diana ricorda che a volte le persone non si limitano a mantenere il labbro superiore rigido e a compartimentalizzare. A volte, siamo spinti a un baratro. A volte le persone non ci permettono di essere felici, ma possiamo comunque essere bravi, rispettabili e piacevoli. Tutti possiamo, anche di fronte a una grande freddezza, essere la regina dei cuori delle persone.

David Levesley è un giornalista multimediale che si occupa dell'intersezione di culture e culture. Ha scritto di tutto, dall'opera alle orge per GQ, Vice, Slate, The Daily Beast, The Guardian e molti altri. Attualmente è Social Media Editor per i Paper, dove scrive e produce video su queerness, politica e arti, ed è anche un drammaturgo e produttore, avendo messo in scena opere in tutto il Regno Unito e in America.