Le tue battute omofobe su 'Trump e Putin sono amanti gay' non sono divertenti

Oggi, il New York Times ha fatto un altro balzo per diventare la zia omofoba estraniata di cui non sei amico su Facebook quando ha pubblicato una vignetta raffigurante Donald Trump e Vladimir Putin come amanti adolescenti proibiti. La clip, che presenta unicorni e arcobaleni e molti baci, è come l'erba gatta per la #resistenza, un sottoinsieme di Twitter desideroso di prendere in giro Trump e il recente incontro di Putin a Helsinki. Il cartone animato è anche profondamente omofobo poiché si basa sull'idea che l'omosessualità stessa sia ridicola, ed è tempo che i progressisti smettano di scusare questo tipo di battute.

Contenuti Twitter



Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

L'animazione, pubblicata alla fine del mese scorso, fa parte di una serie chiamata Trump Bites, in cui l'animatore Bill Plympton illustra il mondo interiore di Trump usando vere citazioni presidenziali per la narrazione. La puntata più recente si intitola Trump and Putin: A Love Story e racconta la storia di un Trump innamorato che sogna ad occhi aperti Putin nella sua stanza; le registrazioni del vero Trump che elogia Putin suonano ambientalmente. Putin alla fine arriva a prendere Trump nella sua macchina, in topless, ovviamente. Il cartone animato Trump, con il cuore in gola, salta sul sedile del passeggero. Con cautela avvicina la sua piccola mano per appoggiarsi su quella di Putin, e poi perde la maglietta.



Anche descrivere il video è come scrivere una narrativa slash dal fondo del barile e, per molti versi, è esattamente quello che è. I due hanno un trucco estremamente dettagliato e cavalcano un unicorno, una scena che sarebbe incompleta senza arcobaleni. Mentre i troll MAGA prevedibilmente non ne avevano nulla, molte persone omosessuali si sono anche rivolte a Twitter per esprimere la loro delusione per il cartone animato, che secondo loro si basa su tropi omofobi.

Contenuti Twitter



Questo contenuto può essere visualizzato anche sul sito it origina a partire dal.

Questo tipo di commedia non è una novità tra la folla di #Resist su Twitter. Lo spettacolo in ritardo il conduttore Stephen Colbert ha fornito un famigerato esempio quando ha presentato il suo pubblico un'immagine di Trump e Putin cavalcando un unicorno insieme, Putin in una faccia piena di trucco. Il nocciolo dello scherzo, dice l'argomento comune, è che Putin, che ha istituito leggi anti-gay in Russia, odia le persone gay, e quindi è esilarante dipingerlo come gay. È l'omofobia sua (e di Trump) a essere presa in giro, non l'omosessualità.

Altri è divertente perché sono criminali gay includono Bette Midler, Chelsea Handler e Jimmy Kimmel. Midler ha fatto una battuta su Trump e Putin in viaggio in Finlandia per un pompino prima dell'incontro, mentre Handler e Kimmel hanno fatto battute di fondo rispettivamente del procuratore generale Jeff Sessions e di Trump. Ma questi esempi sono semplici gocce nel regno di Trump e Putin sono scherzi gay l'uno per l'altro; Twitter è disseminato di insinuazioni sul fatto che i due siano amanti. Perché progressismo, o qualcosa del genere.



La preoccupazione per questo tipo di umorismo non viene sollevata per proteggere Trump o Putin dalla presa in giro. Queste sono due delle persone più beffarde del pianeta, ed è difficile pensare a qualcuno più meritevole di essere messo alla berlina. Né si tratta di essere prezioso o di essere offeso solo per il gusto di farlo. Si tratta di chiamare una vanga: l'omofobia non è improvvisamente carina o accettabile quando sono i Democratici a scambiarla. Queste battute sono omofobiche, punto e basta.

Certo, Trump e Putin probabilmente odiano essere descritti come amanti dei gay. Ma smettiamola di fingere che sia una buona giustificazione, o che chiamarli gay sia in qualche modo radicale perché a loro non piacciono i gay. Questo non è diverso da come la parola gay è stata storicamente usata come insulto. Molti uomini eterosessuali insicuri e omofobi odiano essere chiamati gay perché odiano le persone gay. È sempre stato così. Ecco perché il gay è un insulto così popolare alle medie. Il punto cruciale dell'insulto non cambia solo perché esce dalla bocca di qualcuno che ha amici gay; non è così che funziona.

Vale anche la pena considerare come probabilmente si sentono le persone chiuse quando vedono battute come questa, che usano l'omosessualità per insultare qualcuno. Lo stigma sociale dell'omosessualità è ciò che rende queste immagini così scandalose, ed è lo stesso stigma che impedisce a molti di poter uscire allo scoperto, per timore di essere derisi o ritenuti inferiori. Non è immediatamente chiaro come cartoni animati e battute come queste equivalgano a qualcosa di più che scarabocchiare GAY sull'immagine dell'annuario di qualcuno. Allora perché così tanti fanno finta di essere più di questo?

Viviamo in tempi drastici e le persone cercano ogni modo possibile per ottenere la capra di Trump. Questo è comprensibile. E per essere chiari, sostengo anche la missione di irritare Donald Trump. Ma non è sovversivo accettare norme oppressive per farlo. Non si tratta di prendere la strada maestra; a questo punto, penso che la strada maestra sia quasi crollata. Si tratta di riconoscere che non c'è niente di radicale nell'usare la comunità LGBTQ+ come bersaglio della tua battuta debole, nel momento preciso in cui le persone LGBTQ+ vengono prese di mira a causa dello stesso stigma che stai perpetuando per alcuni retweet.

Gente etero, non ci fate alcun favore dipingendo i nostri oppressori a nostra somiglianza. Trump e Putin non sono amanti gay segreti e ci sono altri modi per ritrarre il legame che condividono. È un legame che potenti uomini eterosessuali hanno tenuto per secoli, uno che ha molto più da dire sugli uomini eterosessuali insicuri che su qualsiasi cosa gay, e non dovresti aspettarti un passaggio sulla tua omofobia solo perché hai superato l'ostacolo più basso di volere questo mostro fuori dall'ufficio.



Ottieni il meglio da ciò che è queer. Iscriviti alla nostra newsletter settimanale qui.